Sabato 22 Luglio 2017
Dimensione caratteri
Ti trovi qui:Cultura e Turismo»Territorio»QSV – Quadro Strategico di Valorizzazione dei centri storici»Quadro Strategico di Valorizzazione del Comune di Corciano

Quadro Strategico di Valorizzazione del Comune di Corciano

  • Sabato, 24 Maggio 2014 13:20

I centri storici delle città, ormai da diversi anni, sono oggetto di particolare attenzione da parte di Amministrazioni pubbliche e studiosi, che analizzano ed affrontano le loro specifiche problematiche, la loro tutela e valorizzazione. Per promuovere interventi coordinati ed integrati in tale materia, la Regione dell’Umbria ha emanato la legge regionale n. 12 del 2008. Essa affronta le problematiche dei centri storici sotto molteplici profili e, in particolare, prevede la redazione, da parte dei Comuni, obbligatoria per alcuni e facoltativa per altri, dei Quadri Strategici di Valorizzazione (QSV), strumenti di carattere sia urbanistico, sia economico-sociale volti alla rivitalizzazione, riqualificazione e valorizzazione dei centri storici medesimi. Il Comune di Corciano rientra, in forza delle proprie caratteristiche sia demografiche che territoriali, tra i Comuni per i quali la redazione e l’approvazione del Quadro Strategico di Valorizzazione sono obbligatorie. In particolare, il documento mira a promuovere la permanenza o il ritorno di attività economiche, di servizio e dei residenti, lo sviluppo turistico, il recupero urbanistico ed edilizio, la valorizzazione e la tutela di edifici e luoghi di pregio, la riqualificazione di spazi pubblici, il miglioramento della mobilità ed accessibilità, mediante un percorso che, dopo una prima fase di analisi e studio, prevede momenti di partecipazione per giungere ad individuare interventi efficaci, concretamente realizzabili e, soprattutto, condivisi. L’Amministrazione Comunale, valutate le caratteristiche del proprio territorio e, in particolare, il suo policentrismo, ha optato per la redazione di un QSV che coinvolga, compatibilmente con le loro caratteristiche, tutti ed otto i centri storici del Comune: Corciano Capoluogo, Capocavallo, Castelvieto, Chiugiana, Mantignana, Migiana, San Mariano, Solomeo. Per l’elaborazione del QSV, le Linee Guida Regionali prevedono le seguenti quattro fasi: I) Fase preparatoria e propositiva del QSV che culmina con la redazione del “dossier preliminare” e che contiene le analisi, la valutazione delle potenzialità, la definizione preliminare dell’idea-forza intorno alla quale ruota il complessivo intervento e la prima ipotesi di Aree di rivitalizzazione prioritaria; II) Fase di concertazione della visione e degli obiettivi strategici che conduce al “Documento strategico” incentrato non più prevalentemente sugli aspetti di analisi quanto sulle valutazioni e sulle prospettive; III) Fase di definizione del QSV, che dà corpo ai progetti, mediante accordi ed intese sia per i profili materiali (strutturali, ecc.), sia per quelli organizzativi ed immateriali; IV) Fase attuativa del QSV, concernente la gestione e monitoraggio degli interventi. Giovedì 3 Novembre 2011 la Giunta Comunale ha approvato il Dossier Preliminare del QSV del Comune di Corciano: con l’approvazione del Dossier, consultabile nella presente sezione unitamente ai due allegati (Quadro Conoscitivo e Prima definizione degli ARP), è stata completata la prima fase. La seconda, in corso di attuazione, vede come elemento centrale il percorso di partecipazione del Dossier Preliminare e dell’idea forza in esso delineata. Trattandosi di un intervento di ampia portata che investe tutte le componenti sociali, la realizzazione del QSV richiede in modo particolare, accanto all’Amministrazione Comunale, la partecipazione ed il concorso di cittadini, operatori economici e loro associazioni di categoria, portatori di interessi collettivi ed altre istituzioni ed organizzazioni pubbliche e private. A tale scopo l’Amministrazione sta organizzando una serie di incontri di partecipazione, tavoli di lavoro ed eventi al fine di svolgere un’azione di informazione e sensibilizzazione alle tematiche oggetto del QSV e di favorire la formulazione dal basso di proposte e progetti concreti da coordinare e concertare con l’Amministrazione stessa.



Letto 12818 volte Ultima modifica il Venerdì, 06 Giugno 2014 13:16

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

 

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.